domenica 29 novembre 2015

Servono urgentemente 650 euro per avviare un ricorso sui PFAS




Il nove dicembre 2015 scadono i termini per presentare un ricorso al Presidente della Repubblica contro il provvedimento dell'Istituto Superiore di Sanità, che  ha praticamente raddoppiato i limiti dei PFAS permessi nelle acque potabili da 1030 ng/L a 2030 ng/L, ripetendo il giochetto che a suo tempo fecero con l'atrazina, di cui parlo qui  
Seicentocinquanta euro è il costo dei bolli necessari per avviare la pratica, le spese finali saranno molte di più. Se raggiungeremo la somma avvieremo il ricorso con l'assistenza di avvocati di Medicina Democratica, altrimenti lasceremo perdere. Trascorso tale termine non ci sarà altra possibilità di impugnare l'insana decisione dell'istituto superiore di sanità. Se avete a cuore il problema dei PFAS, date un vostro contributo versando la cifra che desiderate su buona causa.org, cliccando sul quadretto che vedete qui a destra.
Per il dettaglio delle spese finora sostenute e delle donazioni (pochine) finora ricevute  vedi qui
Vi invito anche a partecipare all'indagine sulle malattie da PFAS in Veneto, registrandovi a questo link.


4 commenti:

  1. Sito di Napoli uuuhhhmmmm....

    RispondiElimina
  2. sito veneto? ti chiami forse Galan? o Chisso? o Zonin? oppure Sei parente di Callisto Tanzi o di Gardini?

    RispondiElimina
  3. Le scrivevo perché ho visto un sito senza host,non professionale, con pochi commenti, con privacy Napoli. Mi ha insospettito la donazione di soldi e ho cercato di contattarla. Non avendo risposte via facebook e via telefonica ho rilasciato quel commento. Lo rimuova e mi scuso con lei ma ho scritto per aiutarla. Se posso esserle utile scriva un contatto, email o telefonico perché non è possibile comunicare con lei facilmente. La ringrazio per quello che porta avanti. Speriamo che questo stato mafioso cerchi di cessare di esistere e risolvano questa grave questione. Secondo me dobbiamo arrivare ai morti e potrebbe essere un piano più complesse di quello per il quale stiamo raccontando in serate come ieri a cologna. Tenga duro, anche io sto cercando di far la mia parte. Buone feste.

    RispondiElimina
  4. Non capisco cosa intende per privacy Napoli. Poi in basso sulla pagina, sulla destra, c'è la mia foto con le indicazioni di dove vivo e lavoro. Pori cliccando sulla pagina in alto denominata Curriculum può scaricare il mio curriculum, che in qualità di dirigente del servizio sanitario sanitario deve essere pubblico. Lì potrà trovare tutte le notizie che cerca. Così potrà conoscere notizie mie personali, alla faccia della privacy.

    RispondiElimina